larghezza risoluzione = -- larghezza impostata = 953px -- larghezza contenuto = 641px -- res_ok --> ok
 HOME  CHI SIAMO  FORUM QUESITI TECNICI  EVENTI  LIBRI  SEZIONI  DOWNLOAD  ALBIQUAL INFORMA  BIBLIOTECA TECNICA  NEWSLETTER

CHI SIAMO
--------------------------
CATEGORIE SOCI
--------------------------
ORGANI DELL'ASSOCIAZIONE
--------------------------
SEZIONI TERRITORIALI
      - Agrigento
      - Ancona
      - Bergamo
      - Brescia
      - Cosenza
      - Mantova
      - Milano
      - Palermo
      - Pesaro
      - Prato
      - Sassari
      - Sondrio
      - Urbino
     
--------------------------
NEGOZIO
--------------------------
BIBLIOTECA TECNICA
--------------------------
LINK
--------------------------


Il comunicato stampa
Guarda il video
--------------------------









I PROSSIMI
EVENTI

News con scroll - Esempio JavaScript scaricato da HTML.it


Chi Siamo
 

Tra i paesi industrializzati, l’Italia detiene il non invidiabile primato degli infortuni per elettrocuzione con esito mortale.

Le statistiche ufficiali riferiscono che una persona al giorno muore per cause elettriche ed il quadro assume contorni ancor piĂą drammatici se si considera che circa il 40% di tali episodi si verifica in ambiente domestico. Inoltre va ricordato che la statistica non menziona la pletora di infortuni che non determinano ricoveri ospedalieri o cause temporaneamente invalidanti.

A fronte di tale allarmante fenomeno, tutti gli attori che per vario titolo intervengono nel mondo dell’impiantistica elettrica devono essere consapevoli di questo preoccupante scenario. In particolar modo devono essere coinvolti i Costruttori di impianti elettrici in virtù del ruolo centrale che rivestono nella realizzazione degli impianti stessi e per le precise responsabilità ad essi attribuite dal DM n. 37/08.

Il quadro legislativo nel settore elettrico, già adeguatamente coperto sul piano formale per l’esistenza della Legge n. 186 dell’ 1 Marzo 1968, delle Norme CEI e della Legge n. 791 del 18 Ottobre 1977, è stato completato con il DM n. 37/08 del 22 Gennaio 2008 che finalmente regolamentano gli aspetti di sicurezza, di progettazione, di installazione e di manutenzione degli impianti tecnici negli edifici pubblici, privati, commerciali ed industriali.

In particolare per ottenere il risultato della sicurezza negli ambienti di vita e di lavoro, questi ultimi atti legislativi prevedono tre strumenti di prevenzione e precisamente:
  1. corretta progettazione effettuata da professionisti iscritti agli Albi professionali;
  2. realizzazione dell’installazione effettuata secondo la regola dell’arte ed accompagnata dalla dichiarazione di conformità rilasciata dalla impresa installatrice;
  3. verifiche e sanzioni per chi non opera correttamente.

La necessità e la consapevolezza di disporre di costruttori qualificati nel settore dell’impiantistica elettrica era già stata avvertita subito dopo l’emanazione del DPR n. 547 del 27 Aprile 1955 da quegli elementi lungimiranti del settore (A.E.M. di Milano, Assistal Sezione Lombarda, CEI, Edisonvolta S.p.A. di Milano, IMQ, Unione Artigiani della Provincia di Milano) che avviarono la prima iniziativa di qualificazione volontaria del comparto elettrico fondando a Milano, nell’ Aprile del 1958, l’ Albiqual, Albo dei Costruttori Qualificati di impianti elettrici ed elettronici.

L’ Albiqual ha la sua sede centrale a Milano in Via Saccardo n. 9, nello stesso edificio dove ha sede il CEI e sezioni territoriali a Bergamo, Brescia, Mantova, Milano, Palermo e Sondrio. Attualmente si sta operando per costituire altre Sezioni ed ottenere una maggiore diffusione sul territorio.

Gli Associati Albiqual sono classificati in tre distinte categorie:

  1. soci ordinari: imprese Costruttrici di impianti elettrici riconosciute tali ai sensi del DM n. 37/08;
  2. soci sostenitori: imprese, professionisti, persone fisiche che non installano impianti elettrici ma che sono interessati ai problemi dell’impiantistica ed a diffondere la regola dell’arte nella progettazione, costruzione e gestione degli impianti elettrici;
  3. soci benemeriti: enti pubblici e privati, associazioni ecc., interessati a diffondere la cultura della qualitĂ  nella costruzione degli impianti.

Partecipano attivamente all’attività di ALBIQUAL, in qualità di Soci Benemeriti, le componenti interessate a migliorare il livello di affidabilità, sicurezza e qualità degli impianti elettrici come ANIE - ASSISTAL - COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI MILANO - CONFARTIGIANATO LOMBARDIA - FNGDME - IMQ - ISPESL - UNIONE ARTIGIANI - VIGILI DEL FUOCO.

L’attività dell’ ALBIQUAL si sviluppa costantemente lungo tre fondamentali direttrici: qualificazione, aggiornamento tecnico culturale e promozione.

La qualificazione delle ditte per l’ammissione all’ Albo dei nuovi iscritti si perfeziona attraverso l’accertamento dell’idoneità tecnica dell’impresa articolata in:
incontri di approfondimento tecnico propedeutici agli argomenti oggetto del successivo colloquio; colloquio atto a verificare le cognizioni, le capacità professionali del tecnico o dei tecnici dell’azienda; eventuale visita ad uno o più impianti eseguiti dalla ditta durante la quale si tende a verificare la struttura tecnica aziendale, la capacità esecutiva ed il rispetto delle norme impiantistich da parte dell’impresa stessa.

L’aggiornamento tecnico culturale comprende:

  1. riunioni tecniche tenute da esperti del settore;
  2. corsi di aggiornamento e approfondimento che possono essere sviluppati anche presso le singole aziende per il proprio personale dipendente; invio del periodico di aggiornamento professionale “Albiqual News”;
  3. consulenza gratuita agli iscritti su problemi che si presentano nella pratica applicazione delle regole impiantistiche; norme CEI o pubblicazioni tecniche in omaggio;
  4. sconti sull’acquisto di norme e riviste del settore;
  5. distribuzione di materiale didattico inerente agli argomenti trattati nel corso delle riunioni tecniche;

    L’attività di promozione viene sviluppata attraverso una attiva propaganda a vari livelli partecipando a convegni, seminari, organizzando incontri con installatori e tecnici.

    Categorie dei Costruttori Qualificati di impianti elettrici

    I Soci Ordinari possono richiedere l’iscrizione nelle seguenti categorie:

      A Impianti elettrici a bassa tensione (sistemi di categoria 0 e Ia) per piccoli uffici, negozi, piccole officine, non soggetti a progetto obbligatorio ai sensi del DM n. 37/08.
      B-BT Impianti elettrici a bassa tensione (sistemi di categoria 0 e Ia, sistemi TT, TN e IT) per edifici civili ad uso collettivo, per ambienti e costruzioni industriali e del terziario.
      B-AT Impianti elettrici con sistemi di II a categoria per edifici civili ad uso collettivo e per ambienti e costruzioni industriali.
      B-AT Impianti elettrici di distribuzione e trasformazione sistemi di IIIa categoria
      C Impianti elettrici di illuminazione pubblica e similari
      D-TV Impianti speciali: antenne TV
      D-S.A. Impianti speciali: scariche atmosferiche
      D-TLC Telecomunicazioni dati-fonia
      Q Quadri di bassa tensione


    Nato come iniziativa volontaria, l’Albiqual ha assunto sempre più importanza in un campo, quello elettrico, dove la richiesta di sicurezza è maggiormente sentita e quindi dove la professionalità di chi lavora deve basarsi su certezze cognitive nonché avvalersi di esperienze nel settore.

    L’iscrizione all’Albiqual, a fronte di un modesto impegno economico, è compensata ampiamente dal valore delle pubblicazioni tecniche e della documentazione che viene distribuita gratuitamente o con prezzi estremamente scontati.

    L’iscrizione consente di:

    1. usufruire di un metodo semplice per rimanere aggiornati e vere a portata di mano soluzioni concrete per eventuali problematiche tecniche riscontrate;
    2. avere a disposizione i diversi servizi di aggiornamento e di consulenza;
    3. qualificarsi come impresa seria ed affidabile nei confronti dei propri committenti;
    4. affrontare le sfide del mercato del lavoro preparati e con serietĂ ;
    5. avvalersi dell’esperienza di un Albo che da cinquant’anni svolge attività di formazione;
    6. ampliare le proprie conoscenze ed avere scambi di informazione con altre aziende installatrici del settore o con aziende produttrici;
    7. lavorare insieme per la risorsa più preziosa che esista: l’uomo.

    La documentazione, con relativa procedura per l’iscrizione all’Albiqual, può essere ritirata presso la Segreteria dell’Albo o scaricata direttamente dal sito: www.albiqual.it